Musei, ministero Beni culturali: Grande successo per domenica gratis

Roma, 8 dic. (LaPresse) - Grande successo per la sesta edizione della domenica gratuita al museo. I primi dati sul l'affluenza dei visitatori nei luoghi della cultura statali nella giornata di ieri mostrano, ancora una volta, un'intensa partecipazione. I picchi sono stati registrati nelle grandi città ma anche nei piccoli centri i musei statali hanno avuto un boom di presenze. Molte le famiglie e i residenti che, grazie al nuovo piano tariffario introdotto a luglio dal ministro Franceschini, stanno riscoprendo i monumenti a loro più vicini. Questa sesta edizione è stata caratterizzata dall'adesione dei musei comunali di Roma e Milano che sono rimasti aperti gratuitamente per tutto il giorno segnando importanti flussi di presenze.

Grande successo al Polo Reale di Torino che è stato visitato da 5.919 persone, con un incremento di circa il 45% rispetto alle 4.079 della precedente domenica gratis 2 novembre 2014.

Numeri significativi anche al Polo museale fiorentino che ieri è stato visitato da 33.335. I picchi al giardino di Boboli (8.612 visitatori), alla Galleria degli Uffizi (7.238), alla Galleria Palatina (6.651), alla Galleria dell'Accademia (5.248) e alle Cappelle Medicee (2.220).

Il Museo Archeologico di Napoli è stato visitato da 6.001, 8.190 i visitatori a Pompei e circa 2.000 ad Ercolano.

Sempre in Campania sono stati 8.771 i visitatori della Reggia di Caserta, 3.601 quelli del museo di Capodimonte, 5.609 a S. Martino, 4.442 a S. Elmo.

Il museo archeologico di Reggio Calabria, dove sono esposti i Bronzi di Riace, è stato visitato da circa 1.300 persone.

A Roma, 21.267 i visitatori del Colosseo e numeri significativi anche al Palatino (4.469), Foro (3.544), Terme di Diocleziano (2.373) e circa 1.500 a Palazzo Altemps.

5.939 sono stati i visitatori di Castel S. Angelo, 3.878 quelli di Palazzo Barberini, 1.800 della Galleria Borghese, circa 1.500 i visitatori di Palazzo Venezia.

"Anche questa sesta domenica gratuita è stato un successo straordinario", ha commentato il ministro Franceschini. "Il valore della prima domenica del mese gratuita - ha aggiunto - non sta solo nei grandi numeri ma soprattutto nel dato educativo. Soprattutto i dati di novembre e dicembre, periodo in cui il turismo nelle città d'arte è ai minimi, dimostrano che sono i cittadini e le famiglie ad andare a scoprire o riscoprire i musei delle loro città. Questa è vera educazione al patrimonio, di cui c'è un grande bisogno. È il fatto che molti comuni italiani, a cominciare da Milano e Roma, si siano adeguati offrendo l'ingresso gratuito anche ai loro musei civici, rende l'iniziativa ancora più straordinaria".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata