Camilla, morta a 9 anni sugli sci: 4 indagati per omicidio colposo

Sono i dirigenti della Sestriere Spa, la ditta che realizza e gestisce gli impianti di risalita. Erano già stati indagati per la morte di un altro sciatore

Ci sono quattro indagati per omicidio colposo per la morte di Camilla Compagnucci, la bambina di nove anni che ha perso la vita mercoledì in un'incidente sulle piste da sci a Sauze d'Oulx, in alta Val di Susa. Si tratta di quattro dirigenti della Sestriere Spa, società che realizza e gestisce gli impianti di risalita. Si tratta delle stesse persone che un anno fa erano state indagate per la morte di Giovanni Bonaventura, ingegnere 31enne di Enna, sull'altro versante della stessa pista.

Camilla stava sciando con il padre su una pista del complesso della Vialattea, la "imbuto". Si tratta di una pista "rossa", quindi abbastanza difficile. Avrebbe perso il controllo degli sci andando a colpire una barriera. Il 20 gennaio 2018 invece Bonaventura  è morto durante una discesa in punta al Fraiteve, a Sestriere, sbattendo contro una barriera frangivento di legno ai margini della pista.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata