Morbillo, morto un bimbo di 10 mesi: quarto caso a Catania
Troppo piccolo per essere vaccinato. Soffriva di una patologia cardiaca

Un bimbo di 10 mesi è morto all'ospedale Garibaldi di Catania per complicanze legate al morbillo. Il piccolo, secondo quanto si apprende, già soffriva di una patologia cardiaca. Si tratta del quarto caso a Catania: l'ultimo caso di una 25enne morta lo scorso 28 marzo, poi una 27enne il 22 gennaio e settembre dell'anno scorso è deceduto un uomo di 42 anni affetto da una grave malattia immunodepressiva. 

Il piccolo, che per la sua età non aveva ancora potuto essere vaccinato per il morbillo, era ricoverato nel reparto di pediatria dell'ospedale di Acireale, quando nel pomeriggio di due giorni fa le condizioni respiratorie e cardiocircolatorie si sono aggravate tanto da richiedere la necessità di un ricovero in Rianimazione. È morto in mattinata alle 10.15.

Il piccolo, fa sapere l'ospedale, era già sofferente per un difetto interatriale, era stato ricoverato dal 3 al 16 marzo presso la pediatria del presidio di Nesima per una broncopolmonite e bronchiolite in presenza di un virus respiratorio sinciziale. Da qui era stato dimesso perché in miglioramento ed era stato programmato un controllo a distanza di 10 giorni. Successivamente, era stato ricoverato, in data 27 marzo, presso il reparto di pediatria dell'ospedale di Acireale, avendo contratto il morbillo. Nel pomeriggio di mercoledì 4 aprile le condizioni respiratorie e cardiocircolatorie si erano aggravate tanto da richiedere la necessità di un trasferimento nella rianimazione del Garibaldi-Centro. 

"Il tragico evento accaduto al piccolo paziente, che non era nell'età da poter essere vaccinato e quindi ha contratto l'infezione da chi vaccinato non era, deve essere di monito affinché tutti capiscano che vaccinandosi, si protegge non solo se stessi ma tutta la comunità", ha detto il direttore del reparto di Rianimazione dell'ospedale Garibaldi-Centro di Catania, Sergio Pintaudi

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata