Milano, nuovo giudice per coppia che ha sfregiato ragazzo con l'acido

Milano, 7 gen. (LaPresse) - Prenderà il via davanti al giudice Carlo Giovanni Cotta, che sarà di turno domani, il processo per Direttissima a carico di Martina Levato, 23enne studentessa alla Bocconi, e del compagno, il 30enne Alexander Boetcher, accusati di aver sfigurato con l'acido Pietro Barbini, 23 anni, ex fidanzato della ragazza. A presiedere l'udienza non sarà quindi il giudice Lorella Trovato che ha convalidato gli arresti. Il processo si svolgerà a porte chiuse fino alla fase dibattimentale.

In aula domani il pm Marcello Musso con ogni probabilità chiederà però di modificare il capo d'imputazione da lesioni gravi a lesioni gravissime, con un conseguente rinvio dell'udienza, che proseguirà comunque davanti al giudice Cotta. Barbini rischia di perdere l'occhio sinistro e con ogni probabilità sul suo volto rimarrà una cicatrice che nemmeno la chirurgia potrà cancellare. A quel punto i due potranno decidere se essere giudicati con rito abbreviato e il processo proseguirà a porte chiuse.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata