Milano, muore dopo rissa in strada: aggressore si presenta in questura

Milano, 1 dic. (LaPresse) - Si è presentato spontaneamente alla polizia a Milano l'aggressore di Enrico Rossetti, il muratore di 44 anni deceduto in ospedale nel capoluogo lombardo il 29 novembre, dopo essere stato soccorso in via Castelvetro a Milano, per quello che inizialmente sembrava un infarto. Si tratta di Marco C., autotrasportatore milanese di 34 anni, con un solo precedente per furto risalente ad una decima di anni fa. L'uomo si è presentato alla polizia di Vigevano ed è stato portato in Questura a Milano. Non sono ancora note le ragioni delle rissa, avvenuta intorno all'una di notte all'uscita di un locale di via Castelvetro, in zona corso Sempione.

Gli operatori del 118 che hanno soccorso Rossetti avevano riferito agli agenti delle volanti che probabilmente l'uomo, morto poco dopo all'ospedale San Carlo, aveva avuto un attacco cardiaco. La moglie della vittima ieri mattina si è presentata in Questura e ha riferito il racconto di un amico, secondo cui suo marito era stato coinvolto in una rissa. Le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona hanno confermato il racconto della donna e gli agenti della mobile erano già sulle tracce del 34enne che si è presentato alla polizia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata