Milano, arrestato 69enne fuggito in Libano dopo condanna per omicidio

Milano, 31 mag. (LaPresse) - E' stato arrestato stamattina in un albergo di Beirut, dopo solo 12 giorni di latitanza, Pasquale Procacci, il sessantanovenne condannato in Appello a Milano a 30 anni di reclusione per l'omicidio della sorella Maria Teresa, rinvenuta cadavere il 28 aprile 2009. Il latitante è stato catturato nelle prime ore del mattino dalla polizia libanese, sulla base di un'indagine lampo della squadra mobile di Milano coordinata dal sostituto procuratore generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Milano, Piero de Petris. Le indagini della squadra mobile erano state avviate nel pomeriggio del 19 maggio, quando, dopo alcune ore dopo la condanna in secondo grado, la Prima Sezione della Corte d'Assise d'Appello di Milano aveva emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Tuttavia, Procacci, prima ancora della sentenza, si era allontanato da Milano, raggiungendo il giorno stesso la Francia e da qui, in aereo, la città di Beirut. Il 23 maggio, dopo soli quattro giorni di indagini, la squadra mobile ha localizzato Procacci in Libano e, attraverso il Servizio per la cooperazione internazionale di polizia, ha attivato un canale di comunicazione in tempo reale con i colleghi libanesi, che stamattina, sulla base delle informazioni trasmesse da Milano, hanno catturato il latitante.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata