Milano, anziana violentata e rapinata in casa: preso. Salvini: "Castrazione chimica per curare infami"

L'uomo, con precedenti, si è introdotto nell'abitazione della donna in zona Comasina lo scorso 21 settembre. Già condannato per un episodio analogo avvenuto nel 2009 a Genova

Una donna di 70 anni violentata e rapinata nella sua casa a Milano. La polizia ha fermato il presunto responsabile: si tratta di un cittadino romeno di 42 anni, con precedenti, accusato di aver violentato e rapinato l'anziana dopo essersi introdotto nella sua abitazione in zona Comasina, lo scorso 21 settembre. Aveva appena finito di scontare 10 anni di reclusione per un precedente specifico.

Secondo quanto ricostruito dalla questura, infatti, l'uomo era già stato condannato per un episodio analogo avvenuto nel 2009 a Genova. Vittima in quel caso una donna di 30 anni. Il romeno è stato detenuto fino al 2012 in un carcere italiano, per poi terminare la pena in Romania. Residente a Quistello (Mantova), è stato portato in carcere a Mantova. 

La sua fuga è terminata questa mattina, fermato dagli agenti della squadra mobile di Milano in collaborazione con la questura di Mantova. Per lui le accuse sono di violenza sessuale aggravata e rapina aggravata. Dalla ricostruzione degli investigatori, si sarebbe recato a casa della vittima, in zona Comasina, e avrebbe iniziato a minacciarla per farsi consegnare tutto l'oro e i gioielli che aveva nell'appartamento. L'anziana ha rifiutato ed è stata violentata. Il 42enne è stato rintracciato sabato pomeriggio a Quistello, dove aveva trovato rifugio grazie a dei conoscenti. In un primo momento si era nascosto a Milano, per poi spostarsi nel mantovano dove pensava di essere al sicuro. A incastrarlo sono stati i movimenti registrati dal telefono cellulare che il malvivente aveva rubato alla 70enne. L'indagine della squadra mobile è stata coordinata dalla procura della Repubblica di Milano. Determinanti per l'acquisizione e la certificazione della prova le tracce biologiche rinvenute dagli agenti della scientifica durante il sopralluogo nell'abitazione della vittima. 

Immediato il commento del ministro dell'Interno, Matteo Salvini: "Beccato dalla Polizia lo SCHIFOSO che qualche giorno fa aveva rapinato e stuprato una donna di 70 anni in casa sua a Milano. Un recidivo. Era già stato rispedito in Romania per un'altra violenza di dieci anni fa ma, uscito dal carcere, ha pensato bene di tornare subito in Italia! Posto che questo soggetto dovrebbe essere subito restituito alle patrie galere (e questa volta suggerisco di buttare la chiave), confermo l'opportunità della castrazione chimica farmacologica per "curare" questi infami: altri Paesi la sperimentano da anni, perché in Italia no??? ", ha scritto su Facebook.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata