Migranti, Papa: Il Signore ci chiede di non escludere nessuno

Milano, 29 set. (LaPresse) - "La preoccupazione amorosa verso i meno privilegiati è presentata come un tratto distintivo del Dio di Israele, ed è anche richiesta, come un dovere morale, a tutti coloro che vogliono appartenere al suo popolo. Ecco perché dobbiamo avere un'attenzione particolare verso i forestieri, come pure per le vedove, gli orfani e tutti gli scartati dei nostri giorni. Nel Messaggio per questa 105esima Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato si ripete come un ritornello il tema: 'Non si tratta solo di migranti'. Ed è vero: non si tratta solo di forestieri, si tratta di tutti gli abitanti delle periferie esistenziali che, assieme ai migranti e ai rifugiati, sono vittime della cultura dello scarto. Il Signore ci chiede di mettere in pratica la carità nei loro confronti; ci chiede di restaurare la loro umanità, assieme alla nostra, senza escludere nessuno, senza lasciare fuori nessuno". Lo ha detto Papa Francesco nel corso dell'omelia della messa in San Pietro per la Giornata Mondiale del Migrante.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata