Migranti, Papa: Accoglierli e integrarli nostra responsabilità morale

Città del Vaticano, 13 dic. (LaPresse) - "È essenziale che il rispetto per la dignità umana e per i diritti umani ispiri e diriga ogni sforzo nell'affrontare le gravi situazioni di guerra e conflitti armati, di opprimente povertà, discriminazione e disuguaglianza che affliggono il nostro mondo e che negli ultimi anni hanno contribuito alla presente crisi delle migrazioni di massa. Nessuna efficace soluzione umanitaria a quel pressante problema può ignorare la nostra responsabilità morale, con la dovuta attenzione al bene comune, per accogliere, proteggere, promuovere e integrare coloro che bussano alle nostre porte in cerca di un futuro sicuro per loro stessi e per i loro figli". Così Papa Francesco nel discorso ai nuovi ambasciatori della Santa Sede, ricevuti nella sala Clementina del Palazzo Apostolico, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali. "La Chiesa - ha assicurato - , da parte sua, è impegnata a lavorare con ogni interlocutore responsabile in un dialogo costruttivo teso a proporre concrete soluzioni a questo e altri urgenti problemi umanitari, con l'obiettivo di preservare vite umane e dignità, alleviando sofferenze e incrementando un autentico e integrale sviluppo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata