Meteo, terza ondata di caldo, 40 gradi in Toscana e Lazio

Roma, 3 ago. (LaPresse) - E' iniziata la terza ondata di caldo. La bolla sahariana porterà punte di 40 gradi in Toscana e Lazio. Dalle previsione del servizio Espon Meteo sono in arrivo giornate di fuoco con il proseguimento dell'intensa ondata di caldo dovuta al rafforzarsi dell'anticiclone nordafricano che insisterà su gran parte dell'Italia anche durante la prossima settimana, in particolare al centrosud.

Il caldo e i tassi di umidità sono destinati quindi a intensificarsi nei prossimi giorni, con picchi massimi di temperatura di 40-41 gradi nei primi giorni della settimana previsti nelle zone di pianura di Emilia e Venezie, in Toscana, Umbria, Lazio, Puglia e Isole. Anche le temperature notturne subiranno un graduale aumento, con temperature minime anche superiori alla soglia dei 25 gradi in molti centri urbani della Valpadana e del Sud.

L'aria rovente della bolla sahariana non ci lascerà nel corso della prossima settimana e, anzi, aumenterà la sua portata. Avremo davvero tanto sole da nord a sud, con pochi temporali sulle Alpi occidentali tra mercoledmeteorologicaì e giovedì, ma sarà il caldo afoso a dominare la scena.

L'apice del caldo africano verrà raggiunto al nord tra lunedì 5 e giovedì 8 e sarà il nordest a vedere i valori più elevati: previsti mercoledì 7 agosto 40 gradi a Bologna, 39 gradi a Treviso e Bolzano e 36 gradi a Milano. Al centrosud i picchi più intensi di caldo avverranno tra mercoledì 7 e venerdì 9: mercoledì previsti 41°C a Firenze, Perugia, Alghero e Sassari. 40 gradi a Grosseto, Roma, Viterbo, Taranto e Olbia. A causa dell'umidità ai valori previsti dalla colonnina di mercurio bisognerà aggiungere almeno 2 gradi: le percepite arriveranno così anche a 42-43 gradi.

Il caldo africano dominerà non solo di giorno ma anche nelle ore notturne con minime che supereranno i 22 gradi quasi ovunque: si tratta della soglia limite oltre la quale di notte inizia il disagio dovuto al caldo afoso. Addirittura a inizio settimana avremo 27 gradi di minima a Messina e Reggio Calabria, 26 gradi a Verona e Roma e 25 gradi a Milano.

Una lieve attenuazione dalla canicola è prevista per venerdì al nord, con un calo di 2-3 gradi e domenica al centrosud a causa di un indebolimento dell'alta pressione di causata da una saccatura che si approfondirà sull'Europa occidentale. Anche i mari sono caldissimi con valori sopra la norma anche di 5 grandi. Le acque superficiali hanno raggiunto i 28°C lungo le coste adriatiche, ioniche e del medio-basso Tirreno, e i 26°C quasi ovunque, eccetto lungo alcuni tratti dell'alto Tirreno e sui settori occidentali delle Isole maggiori.

Questi valori risultano da 2 a 5 gradi superiori alla media, ed è - segnala Espon meteo - solo il punto di partenza di un ulteriore graduale incremento termico dei mari determinato dalla prevista persistenza dell'anticiclone nordafricano che, oltre al trasporto di aria torrida, favorirà una stasi atmosferica con sostanziale assenza di venti e, di conseguenza, scarso rimescolamento delle acque superficiali le quali non potranno fare altro che scaldarsi gradualmente grazie anche al notevole e ampio soleggiamento caratteristico di questo periodo dell'anno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata