Meteo, domani sulla Penisola arrivano nubi e pioggia

Roma, 1 gen. (LaPresse) - Nelle prossime ore gli esperti dell'aeronautica militare prevedono un generale peggioramento delle condizioni meteorologiche. A Nord, in particolare, si prevedono per domani molte nubi ovunque, inizialmente più consistenti sul settore occidentale e successivamente anche su quello centrorientale, con piogge associate a partire da Liguria e basso Piemonte in estensione alle restanti regioni nel pomeriggio, quando si intensificheranno sulla Liguria di levante; secondo i meteorologi i fenomeni risulteranno nevosi dapprima oltre i 1200 metri ma con quota neve in calo fino a pianura sulle aree pedemontane.

Al Centro e sulla Sardegna si prevedono nubi con precipitazioni associate, anche a carattere di rovescio o temporale, sulle regioni tirreniche e sull'Umbria in estensione a Marche ed Abruzzo durante la mattinata; neve sui rilievi oltre i 2100 metri.

Al Sud e sulla Sicilia probabili addensamenti compatti in particolare su Campania, Basilicata e Calabria con piogge e qualche rovescio sui settori tirrenici con interessamento delle restanti aree peninsulari durante il pomeriggio, quando si assisterà anche ad una relativa intensificazione dei fenomeni sulle aree costiere campane e lucane occidentali; in Sicilia si prevede nuvolosità irregolare a tratti intensa ma con poche piogge.

Le temperature minime caleranno lungo tutto l'Arco alpino, mentre rimarranno stazionarie sulle restanti aree settentrionali ed in lieve aumento sul resto della Penisola; massime in diminuzione su tutte le regioni settentrionali ed in tenue rialzo sul resto dell'Italia.

Venti generalmente deboli al Nord, variabili con tendenza a ruotare dai quadranti settentrionali ed a rinforzare su Liguria e settori costieri adriatici. Deboli dai quadranti meridionali sul resto della Penisola con tendenza ad intensificarsi nel pomeriggio specialmente lungo le coste e tendenti a provenire dai quadranti occidentali sulla Sardegna. Da mossi a molto mossi il Mar Tirreno occidentale sottocosta, il Mar Ligure ed il Mar di Sardegna; mossi il restante Tirreno, lo Stretto di Sicilia, lo Jonio sottocosta, il medio e basso Adriatico; poco mossi il restante Jonio e l'alto Adriatico; moto ondoso in aumento pomeridiano su tutti i bacini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata