Maxitruffa all'Inps per 22 mln: 4 arresti, indagato senatore Scelta civica

Roma, 3 giu. (LaPresse) - Chiedevano rimborsi e pensioni accessorie per pensionati italiani residenti all'estero, in Argentina e in Croazia, ignari di tutto, in alcuni casi persino già defunti. Protagonisti della maxitruffa all'Inps una coppia di avvocati, marito e moglie, finiti in manette a Roma insieme a una collaboratrice e al reponsabile dell'Enaf (Ente nazionale assistenza sociale) per la Croazia. Altre 9 persone, tra cui il senatore di Scelta civica Aldo Di Biagio, risultano indagate. Migliaia le cause intentate, danni all'Inps per 22 milioni di euro. I due legali avevano intentato ricorsi anche contro il ministero della Giustizia, ottenendo i rimborsi previsti dalla legge per le lungaggini giudiziali. I soldi ottenuti, però, non andavano alle persone che ne avevano diritto, che non sapevano nulla del ricorso, ma allo studio. I due sono accusati di associazione a delinquere, truffa aggravata e falso. Gli arresti sono stati compiuti dal nucleo di polizia valutaria della guardia di finanza di Roma sulla base di un provvedimento della procura.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata