Maxi truffa bancaria: rubavano dai conti online con Pec falsificate
In manette cinque persone per associazione a delinquere finalizzata alla frode informatica, accesso abusivo a sistema informatico o telematico e sostituzione di persona

Sgominata una banda di cyber criminali che hanno truffato banche e correntisti. All'alba di martedì, nelle Province di Reggio Calabria e dell'Aquila, i carabinieri del comando provinciale di Messina hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Messina su richiesta della Procura della Repubblica peloritana, guidata dal Procuratore Maurizio De Lucia, a carico di 5 soggetti ritenuti responsabili  a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla frode informatica, accesso abusivo a sistema informatico o telematico e sostituzione di persona.

Contestualmente alla misura cautelare personale è stata data esecuzione anche ad un decreto di sequestro preventivo, disposto nei confronti dei conti correnti e depositi bancari nella disponibilità degli indagati, per un valore complessivo di oltre 1,2 milioni di euro.

Il provvedimento restrittivo scaturisce da una attività di indagine, convenzionalmente denominata 'Fraudatores', avviata nel febbraio 2018 dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Messina in collaborazione con il Reparto Indagini Telematiche del Ros, coordinata dal sostituto Procuratore della Repubblica Antonella Fradà, i cui esiti hanno permesso di comprovare l'operatività di un gruppo di cyber criminali, con base nella fascia ionica reggina e attivo sull'intero territorio nazionale, specializzato nel sottrarre ingenti somme di denaro da diverse centinaia di conti correnti bancari "on line".

Le indagini, in particolare, hanno dimostrato come gli indagati fossero in grado di modificare, sui principali siti web istituzionali gli indirizzi di posta elettronica certificata (p.e.c.) di alcuni tra i più noti istituti di credito nazionali ed esteri, sostituendoli con quelli di analoghe caselle di posta certificata, denominate in modo del tutto simile alle originali, appositamente attivate su provider specializzati e intestate a soggetti ignari o inesistenti.

Nel corso dell'inchiesta è stato accertato che, mediante tale espediente, i pirati informatici riuscivano, da un lato, ad interporsi tra i titolari dei conti correnti on line e i rispettivi istituti - secondo una modalità di attacco cibernetico nota come M.I.T.M. (man in the middle) - e, dall'altro, ad entrare in possesso delle credenziali di accesso ai rapporti finanziari, utilizzando le quali disponevano una sequenza di operazioni home-banking in favore di ulteriori conti bancari, intestati a ignare vittime di furto d'identità ma gestiti dagli stessi appartenenti alla consorteria.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata