Maltempo, sopralluogo della protezione civile nel piacentino

Bologna, 15 set. (LaPresse) - Sopralluogo in corso dei tecnici dell'agenzia nazionale di protezione civile, chiamati per valutare la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale per i territori piacentini colpiti dall'alluvione.

Li ha incontrati oggi l'assessore regionale alla Difesa del suolo e Protezione civile Paola Gazzolo, durante la visita agli abitanti di Roncaglia, frazione duramente colpita da un'ondata di fango, detriti e tronchi trascinati dalla corrente. Dopo il vertice in Provincia di stamani, cui ha partecipato il presidente della Regione Bonaccini, l'assessore ha proseguito nella visita alla zona colpita per tutta la giornata.

Prima Gazzolo ha incontrato, insieme alla vice presidente della Provincia Patrizia Calza, per definire nel dettaglio le operazioni a sostegno della popolazione, il prefetto Anna Palombi, che ha la direzione del soccorso urgente su scala provinciale; poi ha proseguito per Roncaglia, dove ha incontrato i cittadini insieme agli amministratori provinciali e del capoluogo.

"La macchina dei soccorsi opera a pieno ritmo - spiega l'assessore - insieme ai volontari di Protezione civile, la cui azione è stata potenziata dall'arrivo di 15 squadre dal resto della regione. I cittadini colpiti stanno partecipando, in molti danno la disponibilità ad aiutare nelle operazioni di sgombero dei detriti e di pulizia dal fango".

In tutte le zone colpite "sono all'opera l'intero sistema di Protezione civile e i tecnici di tutti gli enti competenti per il ripristino delle reti fondamentali come acqua, luce e gas. Abbiamo parlato direttamente con i cittadini - prosegue Gazzolo - che mostrano grande forza d'animo, ci chiedono velocità d'azione e informazione sul risarcimento dei danni subiti. Con le lacrime agli occhi per ciò che è andato perduto, ma anche con le maniche rimboccate per pulire il prima possibile". Si sta provvedendo alla riapertura della viabilità, dove possibile, anche in via provvisoria o con senso unico alternato. Sempre oggi sono cessati gli stati di allarme emanati con le precedenti allerte per i fiumi Trebbia, Nure e Ceno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata