Nubifragio in Sicilia: strade chiuse, esondazioni e fiumi di fango
Nubifragio in Sicilia: strade chiuse, esondazioni e fiumi di fango

L'ondata di maltempo si abbatte sulla zona orientale dell'isola, colpite soprattutto le province di Catania e Siracusa

Temporali, esondazioni, fiumi di fango. Dopo l'ondata di maltempo che ha colpito Calabria e Sardegna, i nubifragi si abbattono sulla Sicilia. A causa delle forti piogge che hanno interessato la parte orientale dell'isola, in particolare le province di Catania e Siracusa, alcuni tratti di strade statali sono provvisoriamente chiusi al traffico. In particolare, per allagamento del piano viabile, sono chiuse le strade statali 114 dir 'Della Costa Saracena' tra il km 10 e 11, a Carlentini (Sr), e la 192 'Della Valle del Dittaino' dal km 24 al km 43. Chiusa per fango e detriti in carreggiata la strada statale 288 'Di Aidone', dal km 2 al km 10, a Ramacca (Ct). La strada statale 417 'Di Caltagirone' è chiusa dal km 54 al km 59 a Lentini (Sr) per esondazione del torrente Gornalunga.

A Sigonella (Sr), inoltre, i vigili del fuoco sono intervenuti per portare in salvo sette persone che erano rimaste bloccate nelle proprie auto. Centoquaranta in tutto gli interventi dei pompieri nelle zone colpite.

Intanto la Coldiretti fa i conti con i danni causati dal maltempo all'agricoltura in Italia: con campi sommersi, aziende e stalle isolate, raccolti distrutti e animali morti si superano i 600 milioni di euro dall'inizio dell'anno. A Catania, Palagonia, Scordia e Ramacca, fa sapere Coldiretti, sono state colpite le coltivazioni di agrumi con danni fino al 100% del raccolto e le piantagioni fra Lentini e Carlentini nelle contrade di San Leonardo, Badiula, Pantano, Salemi, Agnone, Maddauso, Valsavoia, Biviere e Bonvicino sono completamente allagate. "Il maltempo che si è abbattuto sulla Sicilia fa così salire il conto dei danni causati in Italia dalle calamità naturali che - rileva l'associazione di rappresentanza degli agricoltori - negli ultimi venti anni hanno provocato perdite per 48,8 miliardi di euro secondo dati Unisdr, l'Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di disastri naturali". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata