Maltempo, Liguria in ginocchio. Due vittime a Leivi, aperto fascicolo omicidio colposo

Genova, 11 nov. (LaPresse) - Nuova tragedia del maltempo in Liguria, dove due persone risultano hanno perso la vita in Valfontanabuona, nel comune di Leivi. Si tratta di una coppia di coniugi anziani, Carlo Arminise, di 73 anni, e Franca Iaccino, di 69. La loro casa è stata travolta da fango e detriti, trascinati dalle violente piogge delle ultime ore. Dopo un giorno di ricerche, nel pomeriggio i vigili del fuoco hanno recuperato prima la salma del 73enne e poi quella della moglie. Lo ha confermato il sindaco di Leivi Vittorio Centanaro che per tutto il giorno ha presidiato la zona delle ricerche. Nella notte i vigili del fuoco hanno messo in salvo anche altre due donne, di cui una incinta, che vivevano vicino alla coppia dispersa.


PROCURA APRE FASCICOLO PER OMICIDIO COLPOSO - Il sostituto procuratore Biagio Mazzeo ha aperto un fascicolo per omicidio colposo dopo il ritrovamento dei due corpi. Le salme verranno trasferite all'obitorio dell'ospedale di Lavagna e messe a disposizione dell'autorità giudiziaria. La procura di Genova valuterà anche l'apertura di un fascicolo per disastro colposo.

A GENOVA PRA' EVACUATE 18 FAMIGLIE - A Genova per il momento non sono i fiumi a preoccupare, ma lo stato del territorio. A Prà, in via Villini Negrone, è stato evacuato il civico 18. Il palazzo infatti rischia di essere travolto dal un muro di contenimento che minaccia di cedere. Sul posto a monitorare la situazione ci sono la protezione civile, i vigili del fuoco e la polizia municipale. Sono state evacuate 18 famiglie, il Comune di Genova sta provvedendo a trovare loro una sistemazione.

A Belvedere sulle alture di Sampierdarena, sempre a Genova, una parte del piazzale asfaltato è crollato finendo sul giardino di una casa. La pubblica incolumità del Comune si sta recando sul posto per verificare la situazione. Una prima frana aveva colpito la stessa area quest'estate ma la zona, secondo quanto segnalato dagli abitanti, era stata solo transennata.

110 PERSONE EVACUATE A CHIAVARI. Sono circa 140 le persone allontanate dalle proprie abitazioni nella notte, di cui 110 gli evacuati a Chiavari, per il maltempo che sta colpendo la Liguria e in particolare il levante. Alle 6.00 le disalimentazioni elettriche registrate nella Provincia di Genova eravo 4.500, soprattutto nel Comune di Chiavari.

CHIAVARI SENZA ACQUA POTABILE. CARCERE ALLAGATO. Situazione difficilissima nel Levante genovese a seguito dell'alluvione delle scorse ore. Chiavari, Lavagna, Leivi e San Colombano Certenoli sono rimaste senz'acqua potabile. Il problema, comunica Idrotigullio, nasce dalla mancanza dell'energia elettrica in località Campi Pozzi. Il consiglio, nelle zone in cui avviene l'erogazione di acqua, è di bollirla prima dell'utilizzo. A Chiavari, intanto, spiega il Comune che l'acqua sta tornando nelle case, ma non è potabile. Anche la casa circondariale di Chiavari questa notte è finita sott'acqua. Lo rende noto il sindacato di polizia penitenziaria Uil, che spiega che ad essere colpiti sono stati soprattutto i sotterranei "dove sono custoditi gli archivi dell'istituto e il magazzino vestiario - spiega il segretario Fabio Pagani - con 80-90 centimetri di acqua presenti. "Solo grazie alla professionalità e alla dedizione al servizio della Polizia Penitenziaria e di Direttore e Comandante che si sono attrezzati - dice il sindacalista - si è riusciti a garantire il controllo e la salvaguardia nei limiti del possibile dell'istituto privo di detenuti per ultimazione lavori". "I poliziotti penitenziari - aggiunge Pagani -sono in servizio continuativo da ieri alle 16 e continuano anche in queste ore a salvare il salvabile in attesa dell'arrivo dei vigili del fuoco per la stima dei danni e il recupero del materiale".

CHIUSE CINQUE STRADE PROVINCIALI. Chiuse, in mattinata, per facilitare i lavori dei soccorsi, le uscite autostradali di Chiavari e Lavagna sulla A12, mentre la viabilità ordinaria nel levante genovese ha subito grossi danni. Al momento sono cinque le provinciali chiuse per frane, tutte già martoriate da alluvioni e nubifragi dello scorso anno: la 225 della Fontanabuona in due tratti, al km. 8,5 nel Comune di Carasco e poi a San Colombano Certenoli, la 32 di Leivi, la 42 di Romaggi fra Canale e Celesia, la 26 bis della Valmogliana al km. 2 e al km. 5 e la 37 di Semovigo per una frana da monte al km. 1,5.


SITUAZIONE DRAMMATICA A TERRAROSSA. Alberi pericolanti sulla carreggiata sono segnalati sulla provinciale 586 a Terrarossa ed è in corso un sopralluogo dei tecnici sulla provinciale 227 di Portofino per un cedimento della carreggiata sul lato del mare. Mezzanego, 1.600 abitanti nell'entroterra del Levante, è stata particolarmente colpita. "Qui - ha spiegato il sindaco Danilo Repetto - la situazione è drammatica. L'evento è peggiore di quello dell'anno scorso e la rete viaria collinare è stata letteralmente disintegrata: tutte località al di fuori del centro sono isolate". Domani a Mezzanego le scuole rimarranno chiuse.

FRANA SU FERROVIA TRA GENOVA E ZOAGLI. Ripristinata su entrambi i binari la circolazione dei treni sulla linea Genova-Roma tra Zoagli e Chiavari, interrotta ieri sera in seguito a una frana. La linea è tornata pienamente operativa alle 12.30 dopo l'intervento dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana che hanno rimosso i detriti e ripristinato l'infrastruttura. "Sul binario in direzione La Spezia si procede precauzionalmente a velocità ridotta" fa sapere una nota di Rfi". Il programma di circolazione dei treni tornerà gradualmente alla normalità nelle prossime ore.

BLACKOUT NEL GENOVESE. Nella serata di ieri i sommozzatori dei vigili del fuoco hanno passato al setaccio le vie del centro di Chiavari mettendo in salvo una decina di persone intrappolate nei negozi, ai piani bassi delle loro abitazioni, o per strada dopo l'esondazione del torrente Rupinaro. Allagata anche Lavagna in più punti a causa dell'esondazione del torrente Entella. Gravi difficoltà in Fontanabuona: frane, allagamenti, black out, abitazioni e frazioni isolate, in varie località, da Leivi a Carasco, Cogorno e San Colombano. Alcuni operai sono rimasti attualmente bloccati all'interno della loro azienda, la Lames, nell'entroterra di Chiavari lungo la strada per Leivi.

VOLI DIROTTATI. In serata a causa del maltempo il volo Air France proveniente da Parigi, che sarebbe dovuto atterrare a Genova alle 17.05, è stato dirottato a Torino. Di conseguenza è stato cancellato il volo Air France delle 17.40 per Parigi.

ZAIA INVIA SQUADRE PROTEZIONE CIVILE A CHIAVARI - Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha disposto l'invio a Chiavari. Alle prime ore di stamani sono partite alla volta della Liguria due squadre, attrezzate con motopompe, mezzi anfibi, gommoni, e dispositivi di protezione individuale per interventi in acqua e quant'altro sia utile per il soccorso in zona alluvionata. "Siamo pronti anche ad altri interventi - dice Zaia - se solo risulteranno necessari. Il Veneto e i veneti hanno subito tragedie simili nel passato e anche negli ultimi tempi. Sappiamo che cosa voglia dire e sappiamo quanto importante sia la solidarietà di tutti in questi momenti".

Il prefetto di Genova, Fiamma Spena, ha chiesto al ministro della Difesa Roerta Pinotti l'intervento dell'esercito. Nelle prossime ore arriveranno 40 militari a Fossano, mentre dal Friuli stanno arrivando 30 operatori della Protezione civile. Una squadra di dieci vigili del fuoco è partita da Torino.La protezione civile ha esteso l'allerta 2, quella massima, fino alle 15 di domani, mercoledì, su tutta la regione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata