Maltempo, in arrivo una nuova perturbazione: tornano le piogge al Nord

Nuova allerta meteo dopo giornate di vento, nubifragi ed esondazioni che hanno provocato 12 morti

Italia ancora nella morsa del maltempo, dopo giornate di ventonubifragi ed esondazioni che hanno provocato 12 morti. Una nuova perturbazione, preceduta da intensi venti di Scirocco, si sta avvicinando all'Italia dal Mediterraneo occidentale e nelle prossime ore riporterà la pioggia soprattutto al Nord-Ovest e sulle isole maggiori. Il maltempo, però, spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo, si farà sentire soprattutto tra la notte di mercoledì e la giornata di giovedì, quando la perturbazione investirà direttamente la penisola: le piogge cadranno su gran parte del Paese, anche intense soprattutto su Alpi e versante tirrenico. Venerdì probabilmente sarà ancora una giornata di tempo instabile o localmente perturbato sulle Isole e al Centro-Nord; nel fine settimana, infine, il maltempo potrebbe attenuarsi temporaneamente sulle regioni peninsulari e sul Nord-Est, mentre permarrà una maggiore variabilità al Nord-Ovest e sulle isole, interessate da rovesci e temporali. Le temperature nel corso della settimana aumenteranno riportandosi quasi ovunque al di sopra della norma.

Per la giornata di mercoledì previste al mattino molte nuvole e deboli piogge sparse al Nord-Ovest e Sicilia; un po' di nuvolosità anche su resto del Nord, regioni centrali tirreniche, Calabria e Sardegna, con qualche piovasco lungo le coste toscane. Nel pomeriggio nuvole in aumento: piogge sparse su Nord-Ovest, Appennino emiliano, alta Toscana, Calabria e Isole, con neve sulle zone alpine oltre 1500-1700 metri. Piogge anche moderate sul Piemonte e qualche rovescio in Liguria. Entro notte piogge in estensione anche a gran parte del Nord-Est e del settore tirrenico. Fase di piogge più intense al Nord-Ovest e possibili rovesci o temporali su Liguria, Toscana, Lazio e Sicilia. Venti tesi di Scirocco su tutti i bacini di ponente e sul canale di Sicilia. Temperature massime in rialzo nel settore tirrenico.

Giovedì molte nubi e probabili piogge su quasi tutto il Paese, con qualche schiarita solo in Sardegna e, dal pomeriggio, al Nord-Ovest. Le precipitazioni più intense sono attese sulle aree alpine e prealpine centro-orientali, su estremo Nord-Est, sul Lazio, in Campania e sulla Sicilia occidentale, dove saranno possibili anche fenomeni a carattere di rovescio o temporale.
Limite della neve attorno a 1600-1800 m sulle Alpi. Nel corso del pomeriggio i fenomeni si esauriranno al Nord-Ovest, sull'Emilia occidentale e nel settore ligure, mentre insisteranno maggiormente all'estremo Nord-Est, nel resto del Centro, in Campania, Calabria e Sicilia. La sera le piogge si concentrano su estremo Nord-Est, Lazio, Campania e Sicilia. Temperature in sensibile aumento nei valori minimi. Venti moderati di Scirocco al Centro-Sud e sul mare Adriatico, con qualche rinforzo sui mari e lungo le coste del medio e basso Tirreno.

La giornata di venerdì sarà ancora all'insegna della variabilità su molte regioni del Centro-Nord e sulle Isole. La nuvolosità insisterà maggiormente sulle regioni centro-settentrionali. Rovesci diffusi, soprattutto al mattino, sulle regioni centrali. Rovesci isolati in Sardegna e nell'ovest Sicilia.
Nel pomeriggio deboli piogge diffuse sull'Emilia Romagna e nelle regioni di Nord-Est. Rovesci o temporali su Sicilia occidentale e ovest Toscana. Temperature in aumento al Sud.

Sabato tempo instabile con rovesci o temporali sulle isole maggiori. Qualche pioggia isolata al Nord-Ovest, specie al mattino. Domenica si dovrà fare ancora i conti con una circolazione di aria instabile sul Mediterraneo occidentale, che probabilmente determinerà tempo variabile al Nord-Ovest, condizioni di forte instabilità tra l'est Sicilia e la Calabria. Nel pomeriggio e nel corso della sera possibile peggioramento anche sul Lazio e sulla Campania. Il clima diverrà molto mite in tutta Italia, in particolare al Centro-Sud.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata