Maltempo e minime in calo: le previsioni per il 17 e il 18 settembre
Poche nuvole nella giornata di domenica, ma lunedì il tempo peggiora in tutta Italia

Le previsioni dell'Aeronautica militare per oggi sull'Italia.

Nord: sulle regioni di nord-est, sulla Liguria di levante e sulla Lombardia nuvolosità diffusa soprattutto nel corso della mattinata con piogge sparse ed isolati temporali; tendenza ad attenuazione dei fenomeni e della nuvolosità dal primo pomeriggio seppur con presenza di residue precipitazioni su levante ligure e Friuli Venezia Giulia. Dalla serata nuovo aumento delle nubi su Valle D'aosta e Piemonte settentrionale con deboli piogge. 

Centro e Sardegna: iniziali condizioni all'insegna del maltempo con piogge e temporali localmente anche di forte intensità su Toscana meridionale, Marche, Umbria, Lazio centro-meridionale e zone più interne dell'Abruzzo ma con tempo in rapido miglioramento già a metà mattinata. Seguiranno ampi spazi di cielo sereno ma con nuove nubi e deboli piogge in arrivo sull'alta toscana per fine mattinata in attenuazione dal pomeriggio. Prevalenza di poco nuvoloso sulla Sardegna a parte qualche annuvolamento in più sul settore più settentrionale duante la mattina. 

Sud e Sicilia: cielo molto nuvoloso al mattino su Campania, zone interne del Molise e Puglia con piogge sparse e isolati temporali che si attenueranno già dal primo pomeriggio. Sempre dalle ore pomeridiane nubi in aumento sulla Sicilia settentrionale con piogge e rovesci sparsi in attenuazione serale; prevalenza di ampi spazi di cielo sereno o poco nuvoloso sul resto del meridione con nubi più compatte sulla Calabria meridionale in attenuazione serale.


Temperature: minime in diminuzione al nord al centro e Sardegna; in aumento al sud e Sicilia; massime in calo su Sardegna, regioni centrali peninsulari, Molise, Puglia settentrionale, Campania e settori tirrenici ed immediato entroterra di Basilicata, Calabria e Sicilia; stazionarie o al più in lieve aumento al nord. 

Venti: deboli variabili su Valle D'Aosta e Piemonte; deboli o moderati occidentali o sudoccidentali sulle rimanenti regioni settentrionali ed al centro con tendenza a rinforzare in modo deciso su Liguria di levante, alta Toscana ed Appennino emiliano ed al contempo a divenire moderati nordoccidentali sulle coste laziali; in prevalenza moderati meridionali al sud tendenti a divenire moderati di maestrale lungo le coste tirreniche e sulla Sicilia occidentale e settentrionale. Mari: agitato il Mar Ligure; molto mossi il Tirreno centrale e l'alto Adriatico; mossi i rimanenti mari. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata