Mafia, confisca beni per 3 milioni a boss nel leccese
Colpite le proprietà di Franco Miggiano a Casarano

La Direzione investigativa antimafia di Lecce ha eseguito una confisca irrevocabile di beni immobili riconducibili a Franco Miggiano, 69enne di Lecce, da tempo domiciliato a Casarano (Lecce), già condannato per associazione per delinquere e traffico di droga. Il provvedimento di confisca segue il decreto di sequestro emesso dal Tribunale di Lecce, dopo aver accertato una manifesta sproporzione tra gli esigui redditi dichiarati dal nucleo familiare di Miggiano e le ingenti proprietà a lui riconducibili.

Il patrimonio divenuto di proprietà dello Stato è costituito da ventotto immobili, tutti nel comune di Casarano: un complesso immobiliare interamente recintato, su cui insistono diciannove edifici per complessivi 2.000 metri quadrati, su terreni per una superficie totale di circa 20.000 metri quadrati, tutelato attraverso un doppio cancello di ingresso e telecamere di sorveglianza lungo tutto il perimetro; tre abitazioni private nel centro storico; sei terreni agricoli. Il valore complessivo dei beni ammonta a circa 3 milioni di euro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata