Mafia, arrestato latitante a Santo Domingo: tra 100 più pericolosi

Roma, 28 apr. (LaPresse) - Nicola Pignatelli, boss della 'Ndrangheta inserito nell'elenco dei primi 100 latitanti più pericolosi, è stato rintracciato e arrestato a Santo Domingo dagli uomini del Servizio centrale operativo della squadra mobile di Reggio Calabria e del Servizio di cooperazione internazionale di polizia, che ha assicurato i collegamenti con la polizia dominicana. L'uomo, 43 anni e latitante da 3, è ritenuto un elemento di spicco della cosca Mazzaferro ed è legato anche alle famiglie Ursino e Aquino, tutte dell'aerea di Gioiosa Ionica (Reggio Calabria). Pignatelli era destinatario di 3 ordinanze di custodia cautelare per associazione di stampo mafioso e reati inerenti il traffico di droga e ha già una condanna in primo grado a 13 anni.

RICERCATO DAL 2011. Pignatelli, che era ricercato dal 3 maggio 2011, è stato catturato alle 18.15 di ieri ora locale, 00.15 ora italiana. La sua localizzazione è avvenuta a seguito di complesse indagini. Il boss è destinatario di un provvedimento restrittivo emesso dall'autorità giudiziaria di Reggio Calabria nell'ambito dell'operazione 'Circolo formato', che vede tra gli imputati numerosi personaggi di Marina di Gioiosa Jonica, indiziati di far parte di un'associazione per delinquere di stampo mafioso facente capo alle famiglie di 'Ndrangheta dei Mazzaferro e degli Aquino.

Le attività investigative avevano consentito di smantellare il gruppo criminale, impegnato, tra l'inizio degli anni '90 e il 2009, nel tentativo di condizionare la realtà imprenditoriale e politico-amministrativa di quell'area. Avvalendosi di tali coperture la cosca Mazzaferro aveva condizionato importanti appalti pubblici. Per tale reato di associazione di stampo mafioso, il 24 luglio scorso Pignatelli è stato condannato a tredici anni e sei mesi di reclusione. Il boss è inoltre destinatario di altre due ordinanze di custodia cautelare in carcere per violazione del t.u. sugli stupefacenti.

IN ATTESA DI ESTRADIZIONE. Al momento dell'arresto Pignatelli si trovava nella località balneare di Juan Dolio, sulla costa est, a pochi chilometri dalla capitale Santo Domingo. Al termine delle formalità di rito sarà estradato in Italia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata