Mafia, a Palermo sequestri per 4 milioni a imprenditore già in carcere

Palermo, 28 mag. (LaPresse) - Terreni, appartamenti, fabbricati rurali e varie disponibilità finanziarie, per un valore complessivo di oltre 4 milioni e 300mila euro, sono stati sequestrati dalla guardia di finanza di Palermo, in esecuzione di un provvedimento emesso ai sensi del codice delle leggi antimafia, dal tribunale di Agrigento su richiesta della procura. Interessato dal provvedimento un imprenditore agricolo, già titolare di un allevamento di bovini, arrestato nel 2011 per associazione mafiosa e poi rinviato a giudizio e condannato in primo grado nel 2012, per lo stesso reato, a dieci anni di reclusione, per aver fatto parte, in concorso con boss del calibro di Giovanni Brusca, Leoluca Bagarella, Michele Traina ed altri, della cosca agrigentina di Casteltermini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata