Macerata, lancia acido contro la moglie e la accoltella. Deputata M5s: "Scioccata, ero a 30 metri da lì"

Ha lanciato dell'acido contro la moglie, poi la ha accoltellata. È successo in corso Vittorio Emanuele a Civitanova Marche, in provincia di Macerata. L'uomo, un macedone di 32 anni, è stato arrestato dagli agenti del commissariato di Civitanova Marche. La moglie, una donna romena, si trova in ospedale: è grave.

Secondo la prima ricostruzione, il marito le avrebbe gettato dell'acido addosso mentre si trovava in strada. La vittima, terrorizzata, si è rifugiata in un ristorante. A quel punto il 32enne è entrato nel locale e, dopo essere riuscito ad avvicinarla, l'ha accoltellata all'addome e alla schiena. 

Vicino al luogo anche Mirella Emiliozzi, deputata M5s, che ha raccontato su Facebook la sua testimonianza: "Ero a 30 metri dal luogo, a Civitanova Marche, dove un ragazzo ha tentato di uccidere una ragazza. L'ha accoltellata e tirato dell'acido, ma per fortuna lei è riuscita a scappare e trovare rifugio in un ristorante dove due ragazzi, che ringrazio pubblicamente, le hanno fatto scudo e l'hanno praticamente salvata (adesso la giovane è in ospedale ma non dovrebbe essere in pericolo di vita)". "Sono profondamente scioccata - ha continuato Emiliozzi - e sconvolta da tanta disumanità, che non riesco a concepire, ad accettare... Non mi sento di dire altro al momento, attendo di parlare con il questore, ma questa violenza mi sconvolge nel profondo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata