Macerata, in 15mila al corteo antifascista in una città blindata
Conclusa in maniera pacifica la manifestazione per cui il sindaco aveva deciso di chiudere le scuole e fermare i mezzi pubblici

Si è conclusa e anche in maniera pacifica, come avevano garantito gli organizzatori, la manifestazione antifascista e antirazzista organizzata a Macerata dai Movimenti. Una città blindata, con scuole e negozi chiusi, ha accolto un fiume di gente, circa 15mila persone, che hanno invaso le strade della città che da settimane vive sotto scorta.

Il corteo è stato aperto dallo striscione I movimenti contro ogni fascismo e razzismo. Diverse le realtà sociali provenienti da ogni parte d'Italia, ma anche tanti maceratesi, che alla fine sono scesi in piazza. In corteo anche le bandiere di Legambiente, Libera, Arci, Fiom, No Tav, Potere al popolo. Tra i partecipanti l'europarlamentare Cecile Kyenge, Gino Strada di Emergency, l'ex direttore dell'Unità Sergio Staino, il giornalista Adriano Sofri, il deputato Pippo Civati, Nicola Fratoianni e il conduttore Diego Bianchi (Zoro). 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata