Lucca, donna data alle fiamme: fermato presunto aggressore
L'uomo potrebbe aver dato fuoco alla 46enne Vania Vannucchi dopo una lite

 Dopo un lungo interrogatorio in questura a Lucca è stato arrestato Pasquale Russo, 46 anni, accusato del tentato omicidio di Vania Vannucchi, la 46enne aggredita e data alle fiamme fuori dall'ex ospedale Campo di Marte intorno alle 13 di oggi.  L'uomo è un conoscente e collega della vittima. Entrambi, infatti, lavorano all'ex ospedale di Lucca, Campo di Marte. Si presume che l'uomo abbia dato fuoco alla donna dopo una lite.

LEGGI ANCHE Lucca, infermiera 46enne aggredita e poi data alle fiamme: gravissima in ospedale

Al momento l'ufficio investigativo della questura sta cercando di ricostruire il movente dell'aggressione. La 46enne è ricoverata  presso il centro grandi ustionati all'ospedale di Pisa, con ustioni di terzo grado. La donna, è stata soccorsa dai alcune persone che si trovavano all'interno della struttura, allarmati dalle sue urla. Le hanno buttato addosso coperte e secchi d'acqua per spegnere le fiamme e subito sono stati chiamati vigili del fuoco e 118, arrivato con l'eliambulanza.

IL FERMO. Intorno alle 13 di oggi, come riferisce Silvia Cascino, capo della squadra mobile di Lucca, è arrivata alla polizia la segnalazione di una donna in fiamme. "Quando siamo arrivati - dice - la signora era coperta da ustioni di terzo grado su tutto il corpo ed è stata portata a Pisa in elisoccorso". La vittima, riferisce Cascino, gridava di essere stata aggredita e quindi ci siamo subito mossi per trovare il responsabile. E' un fatto tristissimo". Per arrivare al fermo e poi all'arresto di Pasquale Russo, spiega la dirigente, sono state fondamentali "le indicazioni date da chi si trovava sul posto e l'ha soccorsa": la vittima, infatti, "farfugliava un nome", quello dell'uomo arrestato stasera. Inoltre, riferisce il capo della mobile, "abbiamo ricostruito le vicende delle ultime ore e abbiamo sentito i parenti", quindi sì è arrivati a identificare il sospetto. "Stiamo valutando l'ipotesi - dice Cascino - che tra i due ci fosse una relazione e che lui non avesse accettato la rottura". Secondo quanto starebbe emergendo dalle indagini, in passato ci sarebbero state delle "avvisaglie", ma la vittima non aveva mai denunciato l'uomo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata