Libia, attesa per l'autopsia degli italiani uccisi
Il legale della famiglia Failla: "L'integrità dei corpi è essenziale per i rilievi"

Un medico militare italiano, arrivato a Tripoli ieri insieme alla delegazione dell'unità di crisi della Farnesina è pronto a prendere parte all'esame autoptico sui corpi di Salvatore Failla e Fausto Piano. Secondo quanto si apprende da fonti bene informate, l'esame, richiesto dalla procura di Tripoli, non sarebbe ancora iniziato. Precedentemente sulla sua pagina Facebook il Sabratha Media Center aveva detto che l'autopsia era in corso, precisando che le salme saranno poi consegnate ai rappresentanti delle autorità italiane. Il profilo pubblica inoltre alcune fotografie che mostrano salme e mezzi dei servizi medici di emergenza ed elicotteri, all'aeroporto di Tripoli.  Era previsto per oggi il rientro in Italia dei corpi dei due tecnici italiani presi in ostaggio e uccisi in Libia durante un trasferimento. Ieri sera le salme sono rimaste bloccate: infatti già ieri sera era previsto il loro rientro a Ciampino. Una volta in Italia l'autopsia sui corpi sarà eseguita all'Istituto Legale del Policlinico Gemelli.

 

وصلت يوم أمس إلى مطار امعيتيقة جثث الإيطاليين الذين قُتلوا في مدينة صبراتة في المواجهات الأخيرة مع داعش ومعهم أيضا ستة ج...

Pubblicato da ‎المركز الإعلامي صبراتة - Sabratha Media Center‎ su Mercoledì 9 marzo 2016

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata