Legale Antinori: Capire se è stata detta verità su consenso per ovuli
A Pomeriggio 5 parla Carlo Taormina, avvocato del noto ginecologo

"E' stata data un'immagine di Antinori assolutamente falsata. Mi permetto di dire che questo è un caso in cui è necessario usare la prudenza". Lo ha detto a Pomeriggio Cinque su Canale 5, condotto da Barbara D'Urso, Carlo Taormina, legale del professor Severino Antinori, accusato di aver rubato degli ovuli a una ragazza. "Bisogna capire - ha aggiunto - se questa donna dice o no la verità. Bisogna entrare nel cuore del problema che è quello della prestazione o meno del consenso". "La signora ha tentato di adescarmi, Non è vero che lei è stata forzata, è tutto falso", dice Antinori in un servizio che viene trasmesso durante la trasmissione. Nel corso del programma è intervenuta anche Marta Cuore, una delle ragazze che ha permesso ad Antinori di prelevare alcuni suoi ovuli: "Dopo il prelievo mi hanno detto che era meglio non andare a lavoro", racconta la ragazza, "io non credo sia possibile quello che la ragazza ha raccontato, sono rimasta stupita; io ho fatto la donatrice, e ho visto come funziona la clinica. Io non sapevo che mi avrebbero dato un rimborso, l'ho fatto per generosità. Mi sono trovata benissimo".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata