Lecce, voti in cambio di case popolari: 7 arresti, 34 avvisi di garanzia
Coinvolti amministratori pubblici pro-tempore e dipendenti della locale amministrazione comunale

Case popolari in cambio di voti: nuovo caso di voto di scambio a Lecce. Due persone in carcere, cinque ai domiciliari e due con obbligo di dimora: è l'esito di un'operazione della guardia di finanza  nei confronti di nove soggetti indagati a vario titolo per reati di associazione a delinquere, peculato, corruzione, corruzione elettorale, abuso d'ufficio, falso, occupazione abusiva, violenza privata e lesioni.

L'ordinanza, che ha interessato, tra gli altri, amministratori pubblici pro-tempore e dipendenti della locale amministrazione comunale, è stata emessa nell'ambito delle indagini su varie condotte attinenti all'indebita assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica in favore di soggetti non utilmente collocati in graduatoria, l'occupazione abusiva di alloggi disponibili per l'assegnazione. Tali condotte sarebbero state poste in essere al fine di acquisire il consenso elettorale dei potenziali beneficiari dei pubblici alloggi. Sono stati notificati anche 34 avvisi di garanzia nei confronti di altrettanti soggetti indagati per analoghe ipotesi di reato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata