Lecce, trovati in cisterna cadaveri di 2 pregiudicati scomparsi

Lecce, 10 mag. (LaPresse) - Nelle campagne di Campi Salentina, in provincia di Lecce, immersi in una cisterna, sono stati rinvenuti, dai carabinieri del nucleo investigativo, i cadaveri di Luca Greco e Massimiliano Marino, due pregiudicati scomparsi da domenica 10 marzo. Sul posto i carabinieri.

Per l'omicidio dei due pregiudicati sono stati arrestati questa mattina 3 persone: si tratta di Mino Perrino, presunto responsabile del duplice omicidio e della soppressione dei cadaveri, Luigi Tasco e Franz Occhineri, complici del primo. Il 10 marzo scorso, secondo le ricostruzioni degli investigatori, Mino Perrino, con un pretesto, si è fatto accompagnare dai due pregiudicati, già suoi conoscenti, presso un fondo agricolo di sua proprietà, in agro di Campi Salentina, dova ha ucciso Massimiliano Marino, colpevole di avance sessuali nei confronti della sua convivente. Luca Greco sarebbe diventato un testimone scomodo e quindi ucciso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata