Lecce, notti house al Guendalina: il club più famoso del Salento

Lecce, 9 ago. (LaPresse) - A pochi giorni dalla tragedia del Cocoricò a Rimini, un altro locale estivo di punta, questa volta nel Salento, è teatro della morte di un giovane. Il Guendalina, a Santa Cesarea Terme, nel leccese, è uno dei club italiani più conosciuti, definito da molti un 'luogo sacro' per gli amanti dell'house music: ogni estate, da quasi venti anni, il locale ospita i dj più famosi del mondo. Ha due piste e un bar, dove i ragazzi aspettano l'alba e vanno avanti fino alla mattina inoltrata.

E' uno di quei locali così famosi che non c'è neanche bisogno di nominarli. Il suo logo è un bacio. Sui manifesti che annunciano le serate, raramente si trova scritto il nome e ancora più difficilmente compaiono indicazioni sul luogo: in Puglia tutti sanno dove andare, quando appare il simbolo del bacio. Quest'anno la rivista internazionale Dj Mag l'ha classificato al 49esimo posto sui 100 migliori club al mondo di musica house, cosa che ha ulteriormente incrementato i clienti, soprattutto non autoctoni.

Interamente all'aperto, e collocato in una zona non semplice da raggiungere, il locale ha un'arena che ospita fino a seimila persone con i dj più importanti e una seconda pista con quelli minori al piano superiore. Ieri sera, nel locale strapieno, l'ospite d'onore è stato il dj e produttore statunitense Jeff Mills.

Sulla pagina Facebook del locale gli avventori protestano perché i proprietari non hanno speso una parola sulla morte di Lorenzo, 18 anni, accasciatosi in pista all'alba, dopo aver preso una bevanda: "Stamani nel vostro locale si è spento un ragazzo. Sulla vostra pagina non una traccia di rammarico o lutto. Del resto è solo un numero in più e una vita in meno, nulla di anomalo nella contabilità ordinaria dei vostri mortifici", scrive un utente.

Le ultime immagini pubblicate sul profilo del locale, infatti, sono quelle di un'arena strapiena di ragazzi con le braccia alzate e il fumo intorno al dj. Alcuni di loro indossano occhiali da sole nonostante la notte fonda.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata