Lecce, Bubbico: Agenti in borghese nelle discoteche

Roma, 10 ago. (LaPresse) - Per il viceministro dell'Interno con delega alla pubblica sicurezza, Filippo Bubbico, "la battaglia alla droga deve vedere coinvolte le forze dell'ordine accanto a genitori e gestori". Lo spiega in un'intervista al quotidiano 'La Stampa' in cui sottolinea che "la soluzione non è chiudere i locali né impedire l'ingresso ai minorenni. Sono le famiglie che possono regolare l'accesso ai locali e le frequentazioni dei figli per impedire abusi. Vanno coinvolti poi i gestori nella sicurezza con strumenti innovativi di lotta al traffico di droga, inclusi gli agenti in borghese nelle discoteche". Nella lotta allo 'sballo', il ruolo delle istituzioni, spiega Bubbico, è quello di "proporre attività antidroga in modo nuovo e aggiornato e un impegno investigativo contro i trafficanti di morte che va dalla presenza discreta e capillare nei locali al contrasto su grande scala".

"La linea dura del Governo - precisa Bubbico - non è contro le discoteche ma contro la vendita di droga nei locali. Il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha ribadito che, fino a che i locali rimangono luoghi di divertimento, i gestori possono contare sulla collaborazione delle forze dell'ordine. La questione ci riguarda tutti, adulti e genitori. Non è da minimizzare". Le parole d'ordine, sottolinea Bubbico, sono "prevenzione e controlli a tappeto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata