Lea Garofalo, Cassazione conferma le condanne d'appello

Roma, 18 dic. (LaPresse) - La prima sezione penale della Cassazione ha confermato le condanne all'ergastolo per l'omicidio di Lea Garofalo per Carlo Cosco, ex compagno della collaboratrice di giustizia, Vito Cosco, Rosario Curcio e Massimo Sabatino. Confermata inoltre la condanna a 25 anni di reclusione per l'ex fidanzato della figlia di Lea Garofalo, Carmine Venturino. C'era anche Denise Garofalo nell'aula della prima sezione penale della Cassazione per ascoltare la sentenza sull'omicidio della madre. La ragazza, che durante il processo non ha esitato ad accusare il proprio padre, era accompagnata dalla scorta del servizio protezione per i testimoni di giustizia e dall'avvocato Enza Rando dell'associazione Libera che ha seguito tutte le fasi processuali. Lea Garofalo fu uccisa a Milano nel novembre del 2009, il suo corpo fu bruciato in un magazzino e i suoi resti gettati in un tombino.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata