La vita in diretta, emigrato a Bruxelles: No ad autoreclusione

Milano, 25 nov. (LaPresse) - "Mi rendo conto che le misure prese sono necessarie, certo non è facile trovarsi improvvisamente in questa situazione. Noi siamo usciti in questi giorni, siamo andati al parco. Non l'abbiamo fatto serenamente. Girare per strada non è come pochi giorni fa, si guardano gli altri con sospetto, ma sentiamo la volontà di non autorecluderci". Questa la testimonianza a 'La vita in diretta' su Rai1 di Vittorio Vitiello, italiano emigrato a Bruxelles, dove l'allerta terrorismo è ancora alta.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata