Vogliono truffarlo, ma il pensionato li beffa: raggiro fallito a La Spezia

Si è accorto del raggiro di un finto tecnico dell'acqua e l'ha beffato a sua volta

Ha provato a truffare un pensionato, ma è stato lui a essere beffato. Arriva dalla provincia di La Spezia la storia a lieto fine di un tentato raggiro a un anziano.

A Lerici, nello Spezzino, un uomo si è presentato alla porta di un ottantaduenne come operatore dell'acquedotto incaricato di ricercare una perdita di gas. Per rendere la propria storia più credibile, il finto tecnico ha perfino vaporizzato del gas con una bomboletta, ma l'anziano non c'è cascato: quando l'uomo gli ha chiesto di radunare soldi e oggetti di valore per chiuderli in frigo, asserendo che in tal modo si sarebbero preservati da eventuali danni causati dal gas, il pensionato ha capito il raggiro. La continua campagna di informazione che da tempo le forze dell'ordine e i mass media conducono per mettere in guardia gli anziani contro il fenomeno delle truffe ha dato i suoi frutti: l'ottantaduenne ha riconosciuto la tecnica di raggiro.

A questo punto l'anziano ha capito di trovarsi di fronte a un malvivente che stava adottando una delle tante tecniche di cui aveva sentito parlare, ma non si è perso d'animo: conscio di essere da solo in casa e di non poter sostenere un confronto fisico con il delinquente, ha puntato sull'astuzia. Ha preso una scatola vuota di un orologio e l'ha riposta in frigo, da dove è poi stata sottratta dal finto tecnico, che lo aveva distratto con una scusa; subito dopo il truffatore si è allontanato rapidamente, riuscendo a dileguarsi. La sorpresa, però, non è stata delle migliori all'apertura della scatola.

Insomma il match tra anziano e truffatore è finito 1-0. Trenta e lode al pensionato che ha ricevuto persino i complimenti dei carabinieri.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata