L'orsa Daniza morta durante la cattura: non è sopravvissuta al narcotico

Trento, 11 set. (LaPresse) - L'orsa Daniza è stata catturata questa notte, ma non è sopravvissuta al narcotico utilizzato per addormentarla. Lo annuncia la Provincia di Trento, spiegando che "dopo un mese di costante monitoraggio" l'animale è stato individuato e sedato, insieme a uno dei suoi cuccioli, poi liberato dopo essere stato dotato di marca auricolare per poterlo monitorare in futuro. Daniza, però, non ha retto all'anestesia ed è morta. Sono già stati informati il ministero dell'Ambiente, l'Ispra e l'autorità giudiziaria. Il corpo dell'orsa sarà sottoposta ad autopsia.

La vicenda di Daniza, 19 anni, arrivata in Trentino nel 2000 nell'ambito di un progetto di ripopolazione dell'area, ha alimentato il dibattito anche politico dell'ultimo mese. La colpa dell'animale era stata quella di aver ferito un cercatore di funghi a ferragosto. Subito dopo l'episodio molti ne avevano chiesto l'abbattimento, ma erano stati tanti anche quelli che, invece, avevano avviato una campagna per chiedere alle autorità locali di lasciarla stare.

La Provincia di Trento aveva quindi emesso un'ordinanza di cattura dell'animale, dopo aver revocato quella che prevedeva di uccidere Daniza. Animalisti, associazioni ambientaliste ma anche parlamentari e politici locali avevano invitato la Provincia a fare marcia indietro per salvare la vita dell'orsa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata