L'investitore delle 16enni morte a Roma: "Non le ho viste"

Pietro Genovese afferma di essere passato con il verde. Le vittime sono morte sul colpo. Lo ha stabilito l'autopsia

"Sono passato con il verde, non le ho viste". A dirlo Pietro Genovese, il 20enne che alla guida di un'auto nella notte tra sabato e domenica in corso Francia Roma ha investito e ucciso le due amiche 16enni Camilla Romagnoli e Gaia Von Freymann, che stavano attraversando la strada. Il giovane, figlio del regista Paolo Genovese, aveva un tasso alcolemico tre volte oltre quello consentito dalla legge ed è risultato non negativo ad alcune sostanze stupefacenti. Dai primi risultati dell'autopsia emerge che le due adolescenti sono morte sul colpo per lo sfondamento della scatola cranica causato dall'impatto con la vettura, quindi non ci sarebbero segni di altri investimenti di altre automobili