L'armatore Onorato: "Basta con gli italiani che fanno la fame a casa e gli extracomunitari che la fanno a bordo"
“Siamo un popolo di anno in anno sempre meno di navigatori, perché c’è sempre meno spazio per la nostra gente sulle nave di bandiera italiana e questa è una vera piaga occupazionale che io sto combattendo”. Lo ha detto Vincenzo Onorato, armatore di Moby e Tirrenia e presidente del team velico ‘Mascalzone Latino’, intervistato ai microfoni di ‘Non stop news’ su RTL 102.5. “I nostri marittimi, circa 60.000, sono a casa e fanno la fame a casa – ha spiegato - e gli extracomunitari la fanno a bordo con duecento o trecento dollari al mese di paga. Questa storia deve finire”.