Kenya, dalla procura rogatoria internazionale sul sequestro Romano

I pm chiedono alle autorità del Paese di potere condividere elementi di indagine come i verbali delle testimonianze

I pm che indagano sul sequestro della volontaria italiana Silvia Romano, avvenuto in Kenya nel novembre scorso, attendono una risposta dalle autorità giudiziarie keniote sulla rogatoria internazionale inviata sul caso da Roma.
Nel fascicolo si indaga per sequestro di persona con finalità di terrorismo. Secondo quanto si apprende, nella rogatoria si chiede di potere condividere elementi di indagine come i verbali delle testimonianze, ma lo si fa su un piano di cortesia internazionale poiché mancano trattati di cooperazione giudiziaria con il Paese africano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata