Juve, incidente nella notte per Caceres: nessuna frattura

Torino, 17 mar. (LaPresse) - Incidente nella notte per l'uruguaiano bianconero Martins Caceres, 25 anni, che è stato ricoverato all'ospedale Cto di Torino in condizioni non gravi. Il difensore, intorno alle 3.20 di questa notte, viaggiava in via Nizza, in direzione esterno città, a bordo di una Porsche Cayenne, quando si è scontrato contro una Mito che percorreva corso Dante in direzione Mauriziano e a bordo della quale c'erano tre giovani.

Lo schianto è avvenuto all'incrocio tra le due vie, a semaforo lampeggiante. Nell'urto l'auto del calciatore è finita contro l'ingresso della metropolitana, impedendone l'apertura. Caceres è stato trasportato al Cto, ed è stato ricoverato nel reparto di neurochirurgia. Sul posto la squadra infortunistica della polizia municipale di Torino per i rilievi del caso.

Con una nota sul suo sito internet, la Juventus informa che "Martin Caceres è ricoverato al Cto di Torino a seguito di un incidente stradale in cui è stato coinvolto nella notte, al ritorno dalla trasferta di Bologna. Il difensore uruguaiano è arrivato all'ospedale con una ferita lacero contusa al cuoio cappelluto, subito suturata, e una ferita allo zigomo. Non ha invece subito fratture ossee".

"Il giocatore - prosegue la nota del club bianconero - è seguito dallo staff medico della Juventus, in particolare dal dottor Gianluca Stesina che l'ha raggiunto subito dopo aver appreso la notizia. Resterà ricoverato per l'intera giornata di oggi e dovrebbe essere dimesso domani. Al momento non è ancora stata definita la prognosi. Nelle prossime ore verranno effettuati ulteriori controlli".

In serata Martin Caceres è stato dimesso dal CTO ed è stato trasferito presso la Clinica Fornaca di Sessant. Il giocatore è stato visitato dal professor Benech e dal chirurgo plastico, dottor Marco Fraccalvieri. E' in buone condizioni e trascorrerà un paio di giorni in clinica per le cure e accertamenti del caso. La diagnosi è di trauma cranico, con ampia ferita lacero contusa al cuoio capelluto e allo zigomo destro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata