Istat: Immigrazione in Italia calata del 38%, da 448mila nel 2010 a 278mila nel 2014

Roma, 26 nov. (LaPresse) - Le immigrazioni negli ultimi cinque anni si sono ridotte del 38%, passando da 448mila unità del 2010 a 278mila nel 2014. Lo rileva l'Istat. La comunità straniera più rappresentata nei flussi di ingresso continua a essere quella rumena con 51mila iscritti, seguita dalle comunità marocchina (18mila), cinese (16mila), bengalese (13mila), albanese (11mila) e indiana (11mila).

Rispetto al 2013 si evidenziano significative variazioni tra i flussi in ingresso, sia in calo sia in aumento, in relazione a particolari cittadinanze. Rumeni, marocchini e cinesi - ovvero gli immigrati numericamente più presenti nei flussi del 2014 - fanno registrare un calo, rispettivamente, del 12,9%, del 9,9% e del 10%. Tuttavia, il calo relativo sull'anno precedente è più marcato per i cittadini moldavi (-53%), ecuadoriani (-42%), peruviani (-36%) e ghanesi (-33%). Viceversa aumentano le immigrazioni di cittadini pakistani (+23%) e bengalesi (+21%).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata