Intestatario di un telefono usato dall'Isis: espulso algerino
Era residente nella provincia di Bergamo

Un algerino di quarant'anni, residente in provincia di Bergamo e sposato con una cittadina italiana convertita all'islam, e' stato espulso oggi dal ministro dell'Interno Angelino Alfano perche' e' risultato "intestatario di un'utenza cellulare, utilizzata da un miliziano dell'autoproclamato Stato Islamico, che avrebbe parlato di non ben identificati progetti terroristici". Lo rende noto lo stesso Alfano: "Oggi - afferma il ministro - un'altra espulsione per motivi di sicurezza dello Stato segna i tempi della instancabile attivita' di prevenzione che noi consideriamo un pilastro nella lotta all'estremismo violento". 

L'algerino e' stato allontanato dal territorio nazionale con un aereo decollato da Fiumicino e diretto in Algeria, grazie alle informazioni raccolte dalle questure di Bergamo e di Brescia, che hanno tracciato il "profilo radicale" dello straniero cittadino algerino, segnalato tra l'altro in ambito di cooperazione internazionale. Con questa, salgono a 123 le espulsioni di estremisti dal gennaio 2015 ad oggi. Nel solo 2016 sono state in totale 57.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata