Infezioni ospedaliere, settemila morti l'anno
Decontaminazione non corretta e utilizzo eccessivo di antibiotici alla basa delle infezioni ospedaliere che mietono più morti di quante ne provochino gli incidenti stradali. Sono 7000 ogni anno i decessi contro i 3500 avvenuti sulle strade. È l’allarme lanciato dagli esperti del settore nel corso del forum nazionale promosso dal Centro Studi Mediterranea Europa a Napoli. La classifica delle Regioni vede il Nord 'maglia nera'. Il record di infezioni dopo un intervento chirurgico lo detiene la Valle d'Aosta, con 500 casi ogni 100mila dimessi. Seguono la Liguria con 454 e l'Emilia Romagna con 416. I reparti dove è più facile contagiarsi sono Terapia Intensiva Medicina e Chirurgia