Imponevano il pizzo al Vomero, cinque arresti. In manette il boss Luigi Cimmino

Napoli, 20 lug. (LaPresse) - I carabinieri della compagnia Vomero, quartiere di Napoli, hanno dato esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli per associazione mafiosa e tentata estorsione aggravata da finalità mafiose nei confronti di 5 esponenti del clan Cimmino, attivo nei quartieri del Vomero e dell'Arenella. Nel corso delle indagini i militari dell'Arma hanno ricostruito la struttura dell'organizzazione criminale e accertato che il clan era dedito alle estorsioni a imprenditori edili dell'area collinare del capoluogo campano.

Durante le indagini, inoltre, i carabinieri hanno accertato che parte dei proventi delle attività criminali venivano destinati al mantenimento degli affiliati detenuti attraverso le 'mesate'. Tra gli arrestati il capo clan, Luigi Cimmino, 54 anni, che dopo la sua scarcerazione nel 2011 aveva riorganizzato il gruppo facendo 'rientrare' appartenenti storici e affiliando nuove leve.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata