Il Concertone dedicato a Regeni: "Vive in ognuno di noi"
Festa dei lavoratori, appello di Mattarella contro precarietà e caporalato. Sindacati a Genova, scontri a Torino

Folla a Roma in piazza San Giovanni per il tradizionale concertone del primo maggio. L'evento organizzato come al solito dalle sigle sindacali vede protagonista la musica ma anche il tema del lavoro, ed è dedicato quest'anno a Giulio Regeni, il ricercatore torturato e ucciso in Egitto. Giulio, ha detto dal palco Luca Barbarossa, "vive in ognuno di noi per chiedere giustizia e verità". Il cantante ha voluto ricordare il 28enne leggendo un messaggio scritto dalla famiglia del giovane: "Non smettiamo di chiedere insieme verità per Giulio e per tutte le persone che sono state private dei diritti e delle libertà. Buon Primo Maggio a tutti".

Tra i big sul palco Gianluca Grignani, Modena City Ramblers, i Marlene Kuntz, Skunk Anansie, Tiromancino, Max Gazzè e Vinicio Capossela. A condurre la lunga diretta del Concertone Luca Barbarossa affiancato da Mariolina Simone. Imponenti le misure di sicurezza, con i varchi presidiati dalle forze dell'ordine con tanto di metal detector e spazio aereo off limits.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata