Il Centro Italia torna a tremare: un morto sotto le macerie a Teramo. Valanga su hotel, testimoni: Almeno tre persone travolte
Scosse tra 5.1 e 5.4 di magnitudo. Ingv: Si è aperta una nuova faglia. Il capo della Protezione civile: "Colpite le stesse zone del 24 agosto". Situazione ancora più critica a causa della neve

Il Centro Italia, già sconvolto dai terremoti del 24 agosto e del 26 ottobre, torna a tremare. Una nuova potente scossa di magnitudo 5.1 ha colpito in particolare le zone tra L'Aquila e Rieti alle 10.25. L'epicentro, registrato a una profondità di 9 chilometri, è nei pressi di Amatrice, dove è crollato il campanile della chiesa di Sant'Agostino. Un'altra scossa, di magnitudo 3.2, è stata registrata dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia pochi minuti dopo, alle 10.30, seguito da uno sciame di scosse di magnitudo superiore a 2. Poi di nuovo altri terremoti di forte entità, tra cui quelli di magnitudo 5.4 alle 11.14 e 5.3 alle 11.25. 

CORPO RECUPERATO SOTTO LE MACERIE. Un cadavere è stato recuperato sotto le macerie nel comune di Castel Castagna (Teramo). La prefettura di Teramo ha comunicato alla Protezione civile che vittima è stata estratta dalle squadre dei vigili del fuoco.

SLAVINA SU HOTEL. Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) si è diretto nel comune di Farindola (Pescara) in localita' Rigopiano per ricercare i dispersi sotto la valanga che si e' abbattuta su un albergo. "Testimoni sul posto in contatto con il Soccorso Alpino riferiscono che l'albergo era occupato da circa 20 ospiti ai quali si aggiungono i dipendenti in servizio. Secondo queste prime testimonianze, almeno tre persone sarebbero state travolte da neve e altro materiale trasportato dalla valanga. Il Soccorso Alpino sta intervenendo con quattro squadre provenienti dall'Abruzzo e dalle regioni limitrofe", si legge in una nota.Secondo quanto appreso da LaPresse i soccorsi potrebbero arrivare sul posto prima di mezzanotte: la valanga è stata molto violenta e ha travolto l'hotel e tre auto.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata