Hack: Non credo a un paradiso in versione condominiale

Roma, 29 giu. (LaPresse) - Margherita Hack ha lasciato alcune frasi che sono entrate nel cuore della gente e che per sempre la faranno ricordare come una donna dall'intelligenza incontenibile, ribelle, mai paga. La Hack non credeva a una vita dopo la morte, era una scienziata sotto tutti i fronti, voleva capire il perché e l'origine di tutte le cose. La sua curiosità verso l'ignoto l'ha spinta a diventare l'astrofisica che tutti conoscono. Ecco alcune delle frasi che più la rappresentano.

"Nella nostra galassia ci sono 400 miliardi di stelle, e nell'universo ci sono più di cento miliardi di galassie. Pensare di essere unici è molto improbabile".

"Credo che il cervello sia l'anima, non credo alla vita dopo la morte e tanto meno a un paradiso in versione condominiale, dove reincontrare amici, nemici, parenti, conoscenti".

"Credo che uccidere qualsiasi creatura vivente sia un po' come uccidere noi stessi e non vedo differenze tra il dolore di un animale e quello di un essere umano".

"Bisognerebbe imparare a dubitare, a diventare scettici".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata