Grosseto, capo vigili spara al figlio 17enne e si uccide
Sono morti entrambi, madre e figlio minorenne. La donna era vedova da un anno

Un terribile caso di omicidio-suicidio a Monte Argentario, in provincia di Grosseto. Il capo della polizia municipale Loredana Busonero ha sparato in testa al figlio di 17 anni con la pistola di ordinanza, poi ha rivolto l'arma verso di sè e si è tolta la vita. Lei è morta sul colpo, il ragazzo invece è deceduto durante il trasporto in elicottero all'ospedale di Siena.

L'omocidio è avvenuto intorno alle 8 del mattino, nella casa della famiglia: il giovane è stato colpito mentre era ancora a letto. A dare l'allarme sono stati i vicini di casa che hanno sentito gli spari.

La donna, di 55 anni e vedova da un anno, ha regolarmente prestato servizio presso il Comune fino a ieri. Da quanto si apprende, i carabinieri di Orbetello, che svolgono le indagini, non avrebbero trovato lettere o biglietti che spiegassero il gesto: l'ipotesi che prevale tra gli investigatori sarebbe quindi quella di un improvviso raptus di follia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata