Nobel per la Pace e Def, gli eventi da non perdere di venerdì 5 ottobre

LaPresse e upday presentano gli eventi da non perdere di venerdì 5 ottobre 2018

Nobel per la Pace -  Si assegna a Oslo, in Norvegia il Premio Nobel per la Pace. Il primo venne assegnato nel 1901. Da allora l'hanno ricevuto 104 persone e 24 organizzazioni o associazioni. L'anno scorso è stato assegnato a Ican (Compagnia Internazionale per l'abolizione delle armi nucleari). I candidati sono 331 (molti segreti) di cui 216 persone e 115 organizzazioni. Si va dall'Unhcr ai leader delle due Coree Kim Jong-un (Nord) a Moon Jae-in (Sud), ma persino a Donald Trump. In corsa anche la Comunità copta e il ginecologo congolese Denis Mukwege che assiste da anni le donne vittime di stupri. Chiunque vinca, come spesso succede, sarà in carica per un anno in un mondo purtroppo non molto propenso ad ascoltarne la voce.

Def - Il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha scritto a Bruxelles per spiegare la Manovra economica e la Nota di Aggiornamento al Def che, ieri sera è arrivato finalmente al Parlamento che l'attendeva da giorni e che potrebbe votarla già la settimana prossima. Confermato che il rapporto deficit-Pil sarà al 2,4% nel 2019, per poi scendere al 2,1% nel 202 e all'1,8% nel 2021. La partita si gioca sulla crescita: il governo punta all'1,5% nel 2019 e all1,6% e all1,4% nei due anni successivi. Il governo scommette sulla disponibilità delle istituzioni europee a credere all'Italia e alla sua capacità di rientrare dal debito attraverso il rilancio dell'economia nazionale. Intanto, M5S e Lega puntano ai rispettivi obiettivi. Ma ci vogliono 20 miliardi per avere Flat Tax (partite Iva al 15%), riforma della Fornero, reddito di cittadinanza, assunzioni e intervento per i truffati dalle banche. Non sarà facile.

Olimpiadi invernali 2026 - Adesso è una corsa a tre: Stoccolma, Calgary (Canada) e Milano-Cortina. Il Cio, riunito a Buenos Aires, ha escluso Erzurum (Turchia). A Venezia si sono incontrati i governatori di Veneto (Zaia) e Lombardia (Fontana) con i sindaci di Milano (Sala) e Cortina (Ghedina). Torino, ormai, sembra tagliata fuori. Le Olimpiadi del lombardo-veneto si presenteranno con un progetto forte e suggestivo e "a basso costo". Ma il governo non vuole metterci un euro. La questione è grave ma non insormontabile: Palazzo Chigi potrebbe cambiare idea e, comunque, Milano e Cortina sono disposte ad andare avanti da sole. La parte più ricca del Paese pensa di poter trovare le necessarie garanzie. "Una sfida - dicono - che vale la pena di tentare".

#MeToo - Era il 5 ottobre 2017 e il New York Times pubblicava le testimonianze di attrici che accusavano il produttore americano, Harvey Weinstein, di molestie sessuali. Lo scandalo si allargò a un mondo (quello dello spettacolo) dove molti uomini usano il loro potere per avere in cambio sesso. Il 15 ottobre l'attrice americana Alyssa Milano lanciò #MeToo, che da semplice top trend su Twitter divenne un movimento globale. La valanga mediatica travolse decine di personaggi più o meno famosi in tutto il mondo: da l'attore Kevin Spacey al ministro della Difesa britannico Michael Fallon. Ha toccato spettacolo, industria, sport e governi fino a sfiorare l'Accademia svedese che assegna il Nobel. Ma anche le donne che hanno denunciato hanno subito (a torto o a ragione) il peso del loro coraggio o dei loro errori. Il caso di Asia Argento è diventato emblematico. Ma #MeToo va avanti perché quell'hashtag ha dimostrato al mondo che il problema esiste.

Circo Massimo agricolo - Mucche e capre straordinarie, maiali e cavalli che senza l'opera attenta di contadini e allevatori, sarebbero estinti. Per tutto il fine settimana sarà possibile vederli al Circo Massimo, dove Roma mostra al mondo le sue pietre colme di Storia. E' il Villaggio contadino della Coldiretti, un'occasione per vivere qualche ora a diretto contatto con l'agricoltura, l'allevamento e gli uomini e le donne che continuano a dedicarvi la loro vita. E per scoprire animali quasi sconosciuti: dalla mucca Agerolese al Mucco Pisano, dalla capra valdostana al maiale nero dei Monti Lepini. Ma sarà anche possibile capire le tecniche (e la fatica) che permettono alla nostra terra di produrre ortaggi, frutta, vini e formaggi che tutto il mondo ci invidia.

US director Martin Scorsese poses after receiving from the French Association of Filmmakers (La SociE?tE? des realisateurs de films, SRF) the Carosse d'Or 2018 award (Golden Coach Award 2018) during a ceremony on May 9, 2018 at the 71st edition of the Cannes Film Festival in Cannes, southern France. / AFP PHOTO / YANN COATSALIOU

Festa del Cinema - Presentazione della tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma che si svolgerà dal 18 al 28 ottobre all'Auditorium della Musica. Tra i primi film in programma, “Bad Times at the El Royale” di Drew Goddard, “Il vizio della speranza” di Edoardo De Angelis e “The Miseducation of Cameron Post” di Desiree Akhavan. Previsti incontri ravvicinati con Martin Scorsese, Isabelle Huppert, Sigourney Weaver, Giuseppe Tornatore, Kate Blanchett e diversi altri. In programma retrospettive dedicate a Peter Sellers (che è anche sul manifesto delle Festa) e Maurice Pialat. A Roma sarà anche presentata la serie Tv "Watergate" sul famoso scandalo politico che portò alle dimissioni del presidente americano Richard Nixon nel 1974.

 

 

 

 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata