Sciopero dei medici e 40 anni di Vasco Rossi, gli eventi da non perdere di venerdì 23 novembre

LaPresse e upday presentano gli eventi da non perdere di venerdì 23 novembre 2018

Sciopero dei medici - Scioperano i 135mila medici del Servizio sanitario italiano. Chiedono più finanziamenti per garantire a tutti i livelli essenziali di assistenza sanitaria (Lea), la cancellazione del blocco della spesa che impedisce le assunzioni, il rinnovo del contratto fermo a dieci anni fa e il finanziamento di 3.000 contratti di formazione post lauream. Fermi i servizi ambulatoriali e a rischio 40.000 interventi chirurgici ma saranno ovviamente garantire le urgenze. Manca un miliardo di risorse al SSN. In questa situazione, molti sanitari non vedono l'ora di andarsene: 25mila andranno in pensione quest'anno e, se andasse in porto quota 100, altri 70mila potrebbero lasciare. Chi ci curerà?

Dl Fisco - Continua in commissione al Senato l'esame del decreto fisco. Ieri è arrivato un emendamento "omnibus"  Sparisce il condono e la dichiarazione integrativa su somme dimenticate, inserito nell'articolo 9 che viene completamente cancellato e riscritto. Tra le nuove norme c'è la detassazione delle sigarette elettroniche e una tassa dell'1,5% sui money transfer. Torna iI Bonus Bebé secondo cui "l'assegno (960 euro) è riconosciuto anche per ogni figlio nato o adottato dal 1°gennaio 2019 al 31 dicembre 2019" e viene corrisposto al compimento del primo anno d'età. E sull'operazione di aggregazione delle reti Tim-Open Fiber sparisce (emendamento Lega) la clausola occupazionale.

Anticorruzione - Il disegno di legge anticorruzione è appena stato approvato alla Camera (288 sì, 143 no) e oggi è già convocata la Commissione Giustizia del Senato tra le proteste dell'opposizione che non si spiega tanta fretta. Ma la maggioranza sembra voler chiudere il prima possibile una partita che sarà ancora lunga perché l'obiettivo è di cancellare al Senato l'emendamento sul peculato approvato alla Camera col voto della Lega. Poi il provvedimento dovrà tornare ancora alla Camera per l'approvazione definitiva entro la fine dell'anno. Questo è l'accordo tra Lega e M5S, ma più tempo e più passaggi ci sono e più rischiano di tornare a galla veleni e divisioni. Ieri, al momento del voto favorevole a Montecitorio, si è visto chiaramente: M5S entusiasti, leghisti silenziosi con Giorgetto tristissimo.

Torino Film Festival - Si apre con 'The Front Runner' di Jason Reitman il 36esimo Torino Film Festival, in programma da oggi all'1 dicembre. La pellicola, introdotta dalla madrina della kermesse Lucia Mascino, vede Hugh Jackman nei panni del candidato democratico alla presidenza americana Gary Hart, costretto a ritirarsi nel 1988 perchè travolto da uno scandalo su una sua ipotetica relazione extraconiugale con una modella. È uno dei 133 lungometraggi presentati al festival, insieme a 23 mediometraggi e 22 corti; 34 anteprime mondiali, 23 anteprime internazionali e 59 italiane, selezionati tra più di 4000 film. La più importante sezione competitiva, 'Torino 36', riservata a opere prime, seconde o terze, propone 15 film, inediti nel nostro Paese. L'Italia è in concorso con 'Ride', esordio alla regia di Valerio Mastandrea.

40 anni dal primo album di Vasco Rossi - Nel maggio del 1978 usciva il proimo album di "Blasco". S'intitolava "... Ma cosa vuoi che sia una canzone....". Per ricordarlo, la Sony lo rilancia in tanti possibili formati, a partire dal 7 dicembre. Oggi l'iniziativa viene presentata a Milano nella sede Sony. L'album sarà disponibile in cd, vinile e in cofanetto deluxe. Nel cofanetto, in edizione limitata e numerata, ci sarà il vinile 33 giri da 180 grammi, il 45 giri "La nostra relazione/...e poi mi parli di una vita insieme" (il singolo pubblicato dalla Lotus pochi giorni prima dell'uscita dell'album), un cd versione vinyl replica, una musicassetta, un libro di 112 pagine e una matita personalizzata (come quella della copertina della prima stampa del disco).

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata