Il premier Giuseppe Conte durante l'incontro di ieri con i sindacati
Manovra, Champions e... vai col Tango, gli eventi da non perdere di martedì 11 dicembre

LaPresse e upday presentano gli eventi da non perdere di martedì 11 dicembre 2018

Manovra - Ormai è corsa contro il tempo. E l'accordo nel governo ancora non c'è. Domani Conte incontra Juncker, Si cerca di evitare la procedura d'infrazione. Ma la Ue aspetta fatti e numeri. Bisogna rispettare le regole e dall'Italia non è arrivata una risposta. Il limite massimo è il 19 dicembre, quando si riunirà il collegio dei commissari. Entro il 19, il governo gialloverde deve trovare una soluzione: evitare la procedura e mantenere le promesse elettorali. Ieri sera il vertice tra Conte e Tria e poi, insieme a Giorgetti, con i tecnici che hanno portato le tabelle sulle pensioni. Per la Lega, alla luce dei numeri si può andare avanti con "quota 100" per il triennio. M5s ribatte che sono confermati anche gli obiettivi del reddito di cittadinanza. Ma manca una soluzione per il deficit. Il 2,4% verrà ritoccato, ma non si sa di quanto. Intanto al Senato si va avanti e si aspetta il maxiemendamento. Poi, l'incontro con la Ue e la corsa contro il tempo.

Giornata della montagna - Si celebra dal 2003 la giornata internazionale della montagna. Le montagne ricoprono un quarto della superficie della Terra e ospitano il 12 per cento della popolazione mondiale. Ma sono anche tra gli habitat più a rischio minacciate dalla deforestazione, dallo scioglimento dei ghiacciai, l'arretramento del permafrost, frane e valanghe. Eppure, dai monti arrivano meno danni per quanto riguarda i cambiamenti climatici e il buco dell'ozono. C'è un'economia di montagna, fondata su prodotti come miele, caffé, cacao, frutta, bestiame, ma anche sul turismo estivo e invernale. C'è tanto da fare e, per un giorno, proviamo ad alzare lo sguardo verso i lontani orizzonti dei nostri monti. Perché tutti, prima o poi, abbiamo avuto una montagna nel cuore.

Giornata del Tango - E' il "Dia Internacional del Tango" che si balla da quasi 150 anni in Argentina e nel mondo. Un ballo fatto di sensuali "camminate" che raccontano la passione reciproca di uomini e donne. L'Argentina ne è la patria ed esistono tre tipi di Tango (milonga, Tango e Tango Vals), ma gli esperti dicono che non ci sarebbe stato il Tango senza gli italiani (i genovesi, in particolare) che furono all'origine musicale e artistica di questo ballo. La data dell'11 dicembre è stata scelta perché corrisponde alla data di nascita di due grandi del Tango: la ‘Voz’ Carlos Gardel, (1890) e ‘La Màsica’ Julio De Caro (1899). E il 17 dicembre, in occasione del compleanno di Papa Francesco (82 anni), appassionato di Tango, migliaia di argentini metteranno in scena in suo onore in piazza SanPietro, una grande milonga.

Champions Inter-Psv - Alle 21 (stadio Meazza) l'Inter affronta il Psv Eindhoven per l'ultima partita del gruppo B di Champions. In testa al girone (13 punti) c'è il Barcellona che ospita il Tottenham secondo a pari punti (7) e pari differenza reti (-1) con i nerazzurri. L'Inter si qualifica se batte il Psv (già eliminato) e il Tottenham non vince al Camp Nou. In caso di due pareggi è avvantaggiato il Tottenham. Probabili formazion: Inter (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Borja Valero, Brozovic; Politano, Lautaro Martinez, Perisic; Icardii. All. Spalletti: Psv (4-2-3-1): Zoet; Dumfries, Schwaab, Viergever, Angelino; Rosario, Hendrix; Lozano, Pereiro, Bergwijn; De Jong. All: Van Bommel. Arbitra il tedesco Felix Zwayer.

Champions Liverpool-Napoli - Il Napoli va a giocarsi la qualificazione ad Anfield Road contro il Liverpool di Jurgen Klopp e Salah. La classifica del Gruppo C vede al comando i partenopei con 9 punti seguiti dal Psg (8) e dal Liverpool (6). Al Napoli basta un pari per qualificarsi. Non si può perdere perché la differenza reti è già a favore degli inglesi. All'andata finì 1-0 con il gol di Insigne. Probabili formazioni: Liverpool (4-3-3): Alisson; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Milner, Henderson, Keita; Salah, Firmino, Mané.All. Klopp. Napoli (4-4-2): Ospina; Maksimovic, Raul Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Hamsik, Fabiàn Ruiz; Mertens, Insigne. All. Ancelotti. Arbitra lo sloveno Damir Skomina. Klopp lo ha già avvertito: "Se non sbaglia possiamo farcela"

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata