I parlamentari italiani (Fratoianni, Prestigiacomo e Magi) sul gommone che li ha portati sulla Sea Watch 3
Ancora migranti in mare, la Tav e la tragedia di Napoli. Gli eventi da non perdere di lunedì 28 gennaio

LaPresse e upday presentano gli eventi da non perdere di lunedì 28 gennaio 2019

Sea Watch - La storia si ripete, 47 migranti sono in mare da dieci giorni sulla Sea Watch 3 ancorata al largo di Siracusa. Secondo il governo italiano non possono sbarcare. Tre parlamentari italiani hanno aggirato il blocco della Capitaneria e, con un gommone, si sono recati a bordo. Sono Riccardo Magi (+Europa), Nicola Fratoianni  (Leu) e Stefania Prestigiacomo (Forza Italia). Con loro uno psichiatra, una mediatrice culturale e un'avvocatessa. Hanno trovato i migranti in condizioni pietose con segni delle torture subite in Libia. I tre parlamentari (Stefania Prestigiacomo ha agito in dissenso col suo partito) hanno chiesto che vengano sbarcati e che, poi, se ne tratti la "distribuzione" a livello di Ue: "Non possono essere tenuti in ostaggio della politica e dello show mediatico di esibizione di forza". Salvini, con un tweet li ha invitati ad andare a farsi eleggere all'estero. Il Pd annuncia una staffetta di parlamentari a bordo della Sea Watch 3 e oggi, alle 17, a Montecitorio, manifestazione dei radicali.

Salvini e la Diciotti - Il Movimento 5 Stelle voterà sì all'incriminazione di Matteo Salvini davanti al tribunale dei ministri. Lo ha confermato ieri sera Luigi Di Maio affermando che lo stesso Ministro degli Interni vuole farsi processare. Per il M5S le decisioni sulla Diciotti vennero sempre prese dall'esecutivo in modo collegiale: "Il governo italiano si oppose allo sbarco finché l'Europa non avesse detto dove dovessero andare le persone a bordo. Fu una decisione di tutto il governo". Come è noto Salvini è accusato di "sequestro di persona" aggravato dalla posizione di pubblico ufficiale nei confronti dei 177 migranti raccolti dalla nave "Diciotti" al largo della Libia e che vennero tenuti per giorni in porto a Catania. Può darsi che Salvini rinunci all'immunità ma la Commissione per le autorizzazioni dovrà comunque pronunciarsi. Nel caso: M5S voterà a favore, Lega e Forza Italia contro e il Pd a favore. Con questi numeri, Salvini andrebbe quasi certamente a processo. Di Battista ha detto che poi verrà assolto al processo.

Tragedia a Napoli - Un bimbo di 7 anni ucciso a colpi di scopa, la sorellina di 8 con la faccia completamente tumefatta. "Mai vista una cosa simile" hanno detto i medici dell'ospedale Santobono di Napoli quando l'hanno visitata. Il piccolo è stato trovato morente su un divano in una casa di Cardito (area metropolitana di Napoli) dove la madre, italiana, 30 anni, convive con un uomo di 25 anni nato in Italia da una famiglia tunisina. In casa c'era un terzo bimbo più piccolo che non ha subito violenze. L'uomo (Tony Badre)  si sarebbe accanito con una scopa contro i due bambini, figli di primo letto della compagna, accusandola di preferirli al terzo figlio. I vicini hanno sentito i suoni di una lite domestica e hanno chiamato la polizia. La coppia è stata portata in questura. L'uomo ha detto che i bambini sono caduti per le scale. Sembra poco credibile ed è stato fermato. Oggi si capirà di più. Resta la tragedia: ancora una volta i bambini sono vittime dei fantasmi degli adulti che generano violenza.

Tav - Tre mozioni sulla Tav, oggi in aula a Montecitorio. Arrivano dall'opposizione (Pd, Forza Italia e Fratelli d'Italia) e pongono il problema del tempo perduto, della indecisione del governo (lacerato tra le posizioni favorevoli della Lega e quelle contrarie del M5S) e della faccenda dell'analisi costi-benefici che continua a essere un "oggetto misterioso". Sullo sfondo la possibilità del referendum che, partendo dal Piemonte, potrebbe coinvolgere le regioni del Nord Italia. Le opposizioni cercano di incunearsi tra le divergenze interne alla maggioranza invitando Salvini (che è favorevole alla Tav) a votare "sì" alle mozioni. Toninelli aspetta l'analisi per presentarla ai partner francesi e alla Ue. Ma la questione diventa sempre più difficile per la maggioranza con i pentastellati che attaccano la Lega sulla storia dei 49 miliard. Quello della Tav rischia di essere il banco di prova più difficile per l'esecutivo Conte.

Serie A - Si chiude questa sera al Castellani di Empoli (con Empoli-Genoa) la 21esima giornata del campionato di serie A in cui sono state segnate 33 reti in nove partite. La Juve ha giocato male all'Olimpico con un'ottima Lazio ma è riuscita a ribaltare una partita che sembrava persa. Adesso, i bianconeri hanno 11 punti di vantaggio in classifica sul Napoli. Nella giornata è successo di tutto: Quagliarella (capocannoniere con 16 reti) ha raggiunto il record di Batistuta segnando in 11 partite consecutive, Chievo e Fiorentina hanno segnato 7 reti, Atalanta e Roma sei. In settimana, tra martedì e giovedì, si giocano i quarti di Coppa Italia: Milan-Napoli, Fiorentina-Roma, Atalanta-Juventus e Inter-Lazio. L'impegno infrasettimanale potrebbe incidere sul campionato

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata